IIS ENRICO MATTEI.

Nuovo Obbligo di Istruzione

SINTESI SULLA NORMATIVA DEL NUOVO OBBLIGO DI ISTRUZIONE

elaborato dalla prof.ssa Anna Lisa Rozzo Funzione Strumentale per l'area Didattica a.s. 2010 - 2011

(cliccare sulle parole sottolineate e seguite da un numero  per accedere ai documenti)

versione stampabile

    Il Consiglio europeo di Lisbona 1(23-24 marzo 2000) - ha elaborato la strategia di Lisbona che ha come finalità lo sviluppo di un'istruzione e di una formazione di qualità '
 
Gli obiettivi riguardano:
  • Una conoscenza più competitiva e dinamica del mondo quale supporto per l'economia
  • La necessità di definire le nuove competenze di base da assicurare lungo l'apprendimento permanente' (dalla giovane età alla vita adulta le competenze vengono continuamente aggiornate)
  • Supporto e sostegno ai giovani con svantaggi educativi.

hanno definito gli obiettivi futuri per l'istruzione e formazione europei e il programma di lavoro perché potessero essere raggiunti entro il 2010. I parametri adottati dal Consiglio nel 2003 per misurare oggettivamente il miglioramento sono:

capacità di lettura, dispersione scolastica, completamento dell'istruzione secondaria superiore e partecipazione degli adulti
 
ha sentito la necessità di sviluppare valori sociali e civili essenziali (cittadinanza, uguaglianza, tolleranza e rispetto)' come conseguenza della crescente diversità socio-culturale
 
sostiene che esiste un divario significativo tra i livelli di istruzione richiesti dai nuovi posti di lavoro e i livelli di istruzione raggiunti dai lavoratori europei'

afferma che un terzo della forza lavoro europea (80 milioni di persone) è scarsamente qualificata

ha stimato che entro il 2010 quasi il 50% dei nuovi posti di lavoro avrebbero richiesto qualifiche a livello terziario, poco meno del 40% avrebbero richiesto un diploma di scuola secondaria superiore e solo circa il 15% sarebbe stato adatto a persone in possesso di una scolarizzazione di base

QUADRO NORMATIVO EUROPEO E ITALIANO

 

Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18/12/2006 6 (Competenze chiave)

 

Nel Documento tecnico contenuto nel D.M. n.139 22 agosto 2007 viene affermato che l'istruzione obbligatoria deve

 
  • Favorire l'acquisizione delle otto competenze chiave indicate dalla Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio
  • Favorire il pieno sviluppo della persona nella costruzione del sé e preparare i giovani a relazionarsi con gli altri e con la realtà sociale e naturale
  • Contrastare la dispersione scolastica e formativa
Le Competenze chiave per l'apprendimento permanente secondo il quadro di riferimento europeo sono state così definite
 
  1. Comunicare nella madrelingua
  2. Comunicare nelle lingue straniere
  3. Competenza matematica e competenza di base in scienza e tecnologia
  4. Competenza digitale
  5. Imparare ad imparare
  6. Competenze sociali e civiche
  7. Spirito di iniziativa e imprenditorialità
  8. Consapevolezza ed espressione culturale
I saperi e le competenze per l'assolvimento dell'obbligo scolastico vanno strutturati e costruiti sugli assi culturali:
  • dei linguaggi
  • matematico
  • scientifico-tecnologico
  • storico-sociale
espressi in termini di:
- competenze(per la descrizione vedi più avanti),
- abilità (secondo il Quadro europeo delle Qualifiche e dei Titoli indicano la capacità di applicare conosce e di usare know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi; le abilità sono descritte come cognitive -uso del pensiero logico, intuitivo e - creativo - e pratiche - che implicano l'abilità manuale e l'uso di metodi, materiali e strumenti)
- conoscenze ( indicano il risultato dell'assimilazione delle informazioni attraverso l'apprendimento. Le conoscenze sono l'insieme di fatti, principi,  teorie e pratiche, relative a un settore di studio o di lavoro; le conoscenze sono descritte come teoriche e/o pratiche)
La competenza digitale è comune a tutti gli assi


PROGETTAZIONE DEI PERCORSI SECONDO LE INDICAZIONI DEL NUOVO OBBLIGO DI ISTRUZIONE

La progettazione dei  percorsi di apprendimento
  • tiene conto dell'integrazione  tra gli assi culturali e tutti pervengono alla medesima equivalenza formativa
  • è possibile utilizzare  la  flessibilità oraria  del (D.M.47 del 13/6/2006 )
  • non vengono modificate le caratteristiche dei piani di studio di diverso indirizzo
  • prevede una programmazione in base ai saperi e alle competenze attesi secondo il nuovo obbligo (programmazione a ritroso)
 
IN CHE COSA CONSISTE L'INNOVAZIONE?
 
  • nella verticalità del curricolo dai 3 ai 16 anni in continuità con le nuove Indicazioni Nazionali del I ciclo
  • nell'orizzontalità intesa come riaggregazione e trasversalità dei saperi in aree pluridisciplinari
 
CHE COSA SIGNIFICA PROGETTARE PER COMPETENZE?
 
  • Modificare la metodologica didattica adottando una logica di trasversalità di discipline (integrazione dei saperi)
  • Elaborare nuovi sistemi di valutazione perché la misura della competenza non è il voto poiché o questa non  è presente oppure se lo è va misurata su una scala di livelli
  • Progettare e somministrare prove di competenza al termine dei percorsi formativi degli assi culturali
 

ALLEGATO 1 (D.M. n. 139 22 agosto 2007)
GLI ASSI CULTURALI

  Ciascun asse culturale prevede al termine dell'obbligo di istruzione il conseguimento di specifiche competenze di base
 
  • Le competenze* indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazione di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; le competenze sono descritte in termini di responsabilità e autonomia
  • Indicano l'insieme di conoscenze teoriche, pratiche e di abilità che assicurano non un diretto e limitato accesso ad alcune attività , bensì l'attitudine a svolgere una ampia serie di funzioni
  *Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 settembre 2006
 
  Competenze degli assi culturali
 

L'ASSE DEI LINGUAGGI

 
  • Padronanza della lingua italiana
    • Acquisizione di strumenti espressivi ed argomentativi
    • Lettura, comprensione ed interpretazione di testi scritti di vario tipo
    • Produzione di testi di vario tipo
 
  • Utilizzo di una lingua straniera a livello comunicativo e operativo
  • Fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario tramite l'utilizzo di strumenti acquisiti
  • Utilizzo e produzione di testi multimediali
   

L'ASSE MATEMATICO

 
  • Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico,   rappresentandole anche sotto forma grafica                             
  • Confrontare ed analizzare figure geometriche
  • Individuare le strategie appropriate per la soluzione dei problemi
  • Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi avvalendosi sia di rappresentazioni grafiche che di supporti informatici
   

L'ASSE SCIENTIFICO-TECNOLOGICO

 
  • Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni naturali e artificiali elaborando contestualmente i concetti di sistema e complessità
  • Analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall'esperienza
  • Essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate
   

L'ASSE STORICO-SOCIALE

  •   Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica e sincronica
  •  Rapportare la dimensione soggettiva ad un sistema di regole condivise nell'ambito del diritto garantito dalla Costituzione
  • Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio-economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio
 

ALLEGATO 2 (D.M. n.139 22 agosto 2007)

 
Competenze chiave di cittadinanza da acquisire al termine dell'istruzione obbligatoria:
 
  • Imparare ad imparare: organizzare il proprio apprendimento
  • Progettare: stabilire obiettivi e priorità definendo strategie mirate e verificando i risultati conseguiti
  • Comunicare: comprendere messaggi di ogni genere e complessità mediante supporti diversi (cartacei, informatici e multimediali); utilizzo di linguaggi differenziati (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.)
  • Collaborare e partecipare: sapersi relazionare agli altri nel gruppo, comprendendo e valorizzando i diversi punti di vista; saper realizzare attività collettive
  • Agire in modo autonomo e responsabile: comprendere i propri diritti e bisogni e saper riconoscere nel contempo i bisogni altrui, i propri limiti e le regole della vita sociale
  • Risolvere i problemi: affrontare situazioni problematiche utilizzando le conoscenze apprese, formulando ipotesi e utilizzando differenti risorse e strategie
  • Individuare collegamenti e relazioni: educare alla trasversalità sincronica e diacronica tramite un approccio sistemico e non lineare dell'analisi della realtà
  • Acquisire e interpretare l'informazione: saper valutare criticamente l'attendibilità delle informazioni attraverso l'analisi dei vari strumenti comunicativi
   
  Compiti del Collegio dei docenti nel processo di attuazionedel nuovo obbligo di istruzione  (Linee guida dicembre 2007):
 - Individuare strategie volte a superare l'unilateralità dell'approccio disciplinare per una integrazione e trasversalità dei saperi
- Approfondire gli aspetti fondanti gli assi culturali dai quali fare emergere le competenze chiave della cittadinanza attiva
- Strutturare le programmazioni metodologico-didattiche privilegiando l'apprendimento per competenze
- Organizzare spazi didattici flessibili in una prospettiva di attività del collegio ripartita anche per Dipartimenti e gruppi di lavoro
 

FORMAZIONE DEI DOCENTI(Linee guida dicembre 2007)

  I piani di formazione dovrebbero
 
  • Favorire il lavoro tra pari
  • Dare risalto all'esperienze didattiche già in atto in molte scuole (nel nostro Istituto la sperimentazione di Innovadidattica attuata lo scorso anno scolastico)
  • Consolidare e approfondire la didattica fondata sulla competenza relativamente ai saperi e agli assi culturali
  • Superare l'unilateralità del sapere disciplinare individuando nuove metodologie per privilegiare la trasversalità dell'apprendimento
  • Favorire la competenza digitale come strumento per l'interazione fra i vari assi culturali
  • Rivisitare i criteri e le modalità di valutazione adattandoli alla certificazione dei livelli di integrazione conseguiti tra saperi, abilità e competenze
 

VALUTAZIONE
(Linee guida dicembre 2007)

OBIETTIVI
  • Costante lavoro collegiale per la sperimentazione di metodologie didattiche e modelli valutativi
  • Accertare l'integrazione fra conoscenze e competenze
  • Rendere gli studenti consapevoli del processo valutativo
  • Fare riferimento ai documenti europei e nazionali (per es. OCSE-PISA)
       

CERTIFICAZIONE

(Linee guida dicembre 2007)

Rilasciata:
- a domanda per l' adempimento dell'obbligo di istruzione

- d' ufficio al compimento del diciottesimo anno d'età

I Modelli di  certificazione servono per:
 
- leggere le competenze acquisite (trasparenza)

- favorire i passaggi ai diversi percorsi e rientri  in formazione

- facilitare la prosecuzione degli studi per il diploma e la qualifica professionale

- Riferimenti  utili per modelli valutazione-certificazione
 
 

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA   11

INDAGINE OCSE-PISA   12: strumentazione e pratiche valutative conoscenze matematica, lettura, scienze, problem solving dei quindicenni

MODELLI Accordo Conferenza Unificata 28/10/2004   13

LEGGE 40/2007 (art. 13)
 

assolto l'obbligo di istruzione decennale lo studente prosegue il percorso:

- all'interno della scuola

- all'interno della formazione professionale

- all'interno dell'apprendistato

 

CERTIFICATO DELL'OBBLIGO

Modello di certificato per assolvimento dell'obbligo come da DM 9 27/1/2010: scarica il certificato

 

 


Home - URP - Note Legali - Privacy - Siti Tematici